Home Kosovo

Il Kosovo nel limbo

0
Elezioni Kosovo 2019

Con la Macedonia del Nord e il Montenegro al sicuro, gli Stati Uniti si sono rivolti alla questione della Serbia, dove la Russia era saldamente radicata.

Per neutralizzare la sua influenza, gli Stati Uniti hanno concluso che dovevano affrontare la questione che legava i serbi alla Russia, vale a dire la loro rabbia per quella che vedevano come la confisca illegale del Kosovo nel 2008.

Dal momento che l’indipendenza del Kosovo non poteva realisticamente essere invertita, ciò significava trovare termini per il suo riconoscimento che soddisfacessero i serbi, e quindi persuadere la popolazione albanese del Kosovo ad accettarli.

Il risultato fu un accordo segreto tra i presidenti della Serbia e del Kosovo per dividere il territorio, con una piccola enclave dominata dai serbi nel nord che passava in Serbia in cambio del riconoscimento di Belgrado del sud dominato dagli albanesi. Se tutto fosse andato bene, la Serbia non avrebbe avuto più bisogno della Russia e il Kosovo poteva porre fine al suo debilitante stato di limbo giuridico.

Sfortunatamente per Washington, l’accordo è crollato a contatto con il mondo esterno. Per prima cosa, ha suscitato apprensione in molti paesi europei, tra cui Germania e Regno Unito, che temevano che lo spostamento delle frontiere avrebbe costituito un pericoloso precedente per i fragili stati della Bosnia e della Macedonia settentrionale.

Ancora più importante, l’accordo ha anche generato un furioso contraccolpo in Kosovo, la cui gente aveva capito che l’indipendenza del paese all’interno dei suoi confini esistenti era un fatto accertato.

Non sorprende che molti si siano sentiti traditi dagli Stati Uniti il ​​cui tardivo messaggio era che l’indipendenza era in realtà subordinata alla benedizione del loro vecchio avversario, la Serbia.

La risposta del Kosovo è stata duplice. Il primo ministro ha tentato di spingere la Serbia a riconoscere incondizionatamente il Kosovo, imponendo tariffe al 100% sulle importazioni serbe e affermando l’autorità del governo nell’enclave settentrionale del Kosovo, portando la Serbia a schierare il suo esercito al confine con il Kosovo all’inizio di quest’anno.

Nel frattempo il presidente, rendendosi conto che l’opposizione popolare alle condizioni della Serbia ha precluso un accordo negoziato sul riconoscimento, ha avviato le iniziative per unificare il Kosovo con lo stato riconosciuto dell’Albania.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui