Home Diaspora

Jesolo, cittadinanza onoraria ai cinque kosovari

Iniziativa della sindaca di Musile per ringraziare i muratori che il 14 luglio avevano tentato di salvare i 4 ragazzi finiti nel canale

0
Jesolo 5 Kosovari

Cittadinanza onoraria per i cinque kosovari che si sono tuffati nel canale di via Pesarona e hanno disperatamente tentato di salvare i quattro ragazzi nel tragico incidente stradale di domenica 14 luglio alle porte di Jesolo.

Sono i kosovari Laurat Hoti, Florim Bytyci, i due che erano in acqua e Burim Kuci, Ilir Lekaj e Lulzim Bytyci gli altri tre che sulla sponda del canale li hanno aiutati ad estrarre e trascinare i corpi purtroppo senza vita di Riccardo Laugeni, Eleonora Frasson, Leonardo Girardi e Giovanni Mattiuzzo. Si era salvata solo Giorgia Diral.

L’accaduto

Sono bastati pochi attimi. Una Golf ha avviato un sorpasso azzardato nella notte, toccando la Ford Fiesta su cui viaggiavano i cinque ragazzi di Musile e facendola finire in un canale.

L’urto è stato terribile, tanto forte da togliere la vita agli altri ragazzi a bordo: Eleonora Frosson, Leonardo Girardi e Giovanni Mattiuzzo sono stati estratti dalle lamiere subito dopo Giorgia (l’unica sopravvissuta) dai 5 kosovari, ma per loro non c’era già più nulla da fare; il corpo di Riccardo Laugeni, seduto al volante, è stato invece recuperato solo grazie all’autogru dei vigili del fuoco.

Il responsabile, un cittadino rumeno di 27 anni e in Italia dal 2012, è stato in seguito fermato dalla Polizia grazie alla segnalazione di un altro automobilista.

Comitato diritti civili «Cittadinanza italiana ai cinque kosovari»

Cittadinanza italiana per i 5 kosovari che hanno tentato di salvare i ragazzi coinvolti nel tragico indicente del 14 luglio a Jesolo.

A invocarla per loro è il comitato per la difesa dei diritti civili con Francesco Esposito.

«Bel gesto quello di insignire della cittadinanza onoraria i quattro kosovari e l’albanese che hanno cercato di salvare i giovani coinvolti nell’incidente stradale», dice Esposito, «il gesto, tanto spontaneo quanto umile, di essersi buttati nel canale riuscendo a salvare l’unica sopravvissuta dei cinque passeggeri, è stato superato solo dall’umiltà con cui, in silenzio, si sono allontanati dalla scena teatro dell’ammirevole azione di soccorso».

«Riteniamo che i rappresentanti delle forze politiche del territorio dovrebbero farsi portavoce presso gli organismi nazionali dei rispettivi partiti e chiedere che ai cinque giovani, autori del magnifico gesto, venga concessa la cittadinanza Italiana come tangibile segno di riconoscimento di un comportamento che da fiducia nel genere umano».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui