Blerta Hoti aveva sei anni nel 1992 quando la sua famiglia di sei viaggiò dal villaggio di Polac a Skenderaj in Svezia per chiedere asilo.

L’infanzia in una grande città come Göteborg non è stata facile e Hoti ha dovuto affrontare pregiudizi dentro e fuori la scuola.

“Sei uno sconosciuto qui. Torna nel tuo paese. Quando tornerai al tuo luogo di nascita?”

È ciò che ricorda di aver sentito dai cittadini svedesi all’epoca, aggiungendo che furono proprio queste parole a spingerla a combattere la discriminazione.

Dopo essersi laureata in studi globali e relazioni internazionali presso l’Università di Göteborg, la sua attenzione si è rivolta alle organizzazioni per i diritti umani e la gioventù che operano nel paese.

“Ho iniziato il mio impegno politico in Svezia molto tempo fa. Inizialmente sono diventato attivo attraverso diverse associazioni – diverse ONG, ad esempio quelle che si occupano dei diritti delle donne. Sono stato anche fondatore e attivista di alcune associazioni giovanili albanesi qui in Svezia in precedenza “, ha detto. “Ho finalmente capito che, nonostante sia importante essere coinvolti nella società civile, questo non è sufficiente se non si ha il potere primario”.

In un’intervista per BIRN, afferma che le sue attività e il suo impegno nella società civile erano importanti, eppure sentiva di dover andare oltre per avere il potere di fare la differenza.

Nel 2011, Blerta ha trascorso sei mesi in Kosovo, completando uno stage presso l’ambasciata svedese, occupandosi principalmente di donazioni dallo stato svedese destinate al Kosovo, in particolare nei settori dell’ambiente e dell’istruzione.

La sua esperienza in Kosovo e alcuni dei “fenomeni negativi” che ha incontrato sono stati parte della sua ispirazione per essere coinvolti in politica. “Uno dei motivi per cui ho deciso di impegnarmi in politica è perché ho visto alcune sfide”, ha detto. “Ad esempio, la mancanza di coordinamento dei donatori e la mancanza di trasparenza nella governance del Kosovo mi hanno motivato a impegnarmi politicamente e diventare parte della soluzione piuttosto che parte del problema”, ha detto Hoti a BIRN.

La politica come percorso per cambiare

Nello stesso anno, Hoti ha iniziato il suo viaggio in politica, unendosi al centro ha lasciato i socialdemocratici, il più grande partito politico in Svezia. Nel 2012, è stata assunta come difensore civico per il Partito socialdemocratico e la sua organizzazione giovanile.

Dopo il suo periodo come difensore civico, la politica di Hoti è andata oltre i confini svedesi e nella capitale belga, Bruxelles, diventando consigliere politico del Parlamento europeo per gli eurodeputati del Partito socialdemocratico svedese dal 2014. Cinque anni dopo, Blerta Hoti è tornata in Svezia, assumendo l’incarico di consigliere politico presso il Ministro della Difesa del governo del Partito socialdemocratico all’inizio di aprile 2019.

Il suo successo non si è fermato qui. Alla fine di agosto, è stata nominata membro del consiglio comunale come rappresentante del Partito socialdemocratico nel comune di Göteborg.

“Il partito politico nel mio distretto, il comune di Göteborg, ha deciso di nominarmi come uno dei vice presidenti del partito nella leadership municipale di Göteborg”, ha aggiunto, aggiungendo che per lei la parte più importante del suo nuovo lavoro è che ora svolge un ruolo nel processo decisionale.

Nonostante non sia nuova nel campo della politica, è fermamente convinta che sia necessario un nuovo spirito per la città in cui è cresciuta. Mentre la sua responsabilità principale sarà nel traffico e nell’ambiente, la sua priorità, ha detto, sarà investire in un equo benessere sociale in tutti gli aspetti della politica, lottare contro la privatizzazione e proteggere i diritti dei lavoratori.

“Questo governo ha aumentato i prezzi mensili per il trasporto pubblico di 14 euro e ha privatizzato il settore sanitario”, ha detto a BIRN. “Allo stesso tempo, ha aumentato i prezzi per gli asili nido. Questo è scandaloso e molto dannoso per i cittadini, nonché per l’ambiente perché diventa più difficile sostituire le auto con i mezzi pubblici “.

Il Kosovo ha bisogno dell’attivismo giovanile

Come parte di un partito di centro sinistra come il Partito socialdemocratico, Hoti raccomanda che, come la Svezia, anche il Kosovo abbia un partito “di sinistra” più proattivo. Dice di essere fortemente contraria alla privatizzazione delle imprese pubbliche poiché, indipendentemente dal settore interessato, il suo sviluppo sarà limitato di conseguenza.

“Penso che il fondamento di tutto ciò sia lo stato di diritto. Senza lo stato di diritto non avrai nulla ”, ha detto Hoti a BIRN. “Finché ci sarà corruzione in Kosovo non ci sarà sviluppo sostenibile e, di conseguenza, avremo sfide migratorie ancora maggiori e così via. Sono ottimista sul fatto che ci sarà volontà politica e potenziale per le ragazze. ”

La chiave per i partiti politici, ritiene Hoti, è avere un’ideologia femminista. Afferma che per realizzare uno sviluppo sociale sostenibile, la prospettiva di genere deve essere inclusa in ogni area del processo decisionale.

Per i giovani nel suo paese natale, Hoti incoraggia a diventare attivi non solo nella società civile ma anche in politica. Ritiene necessario disporre di nuove idee e uno spirito più positivo e progressista nella vita politica del Kosovo, soprattutto considerando le imminenti elezioni parlamentari anticipate che si terranno ad ottobre.

“La politica non dovrebbe mai essere presentata da persone che difendono la burocrazia. È necessario che più persone si impegnino in partiti politici, persone che vogliono far parte di un cambiamento positivo e, naturalmente, parte di uno spirito socialdemocratico “, ha affermato.

“Per avere lo stato di diritto e combattere la corruzione, questa è la cosa più importante.”

Questo articolo è stato originariamente pubblicato in inglese da Prishtina Insight, autore: Xheneta Murtezaj

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui