Home Cultura

Gli artisti del Kosovo usano la cultura per promuovere la giustizia e la pace

Iniziative per abbattere i confini e creare una comunicazione tra artisti e attivisti culturali del Kosovo e Serbia

0
Miredita Doberdan

Milica Djurdjevic dell’organizzazione politica serba di estrema destra Zavetnici era arrabbiata.

Djurdjevic stava organizzando una manifestazione di protesta a maggio a Belgrado contro l’apertura del festival annuale “Miredita, Dobar Dan” nella capitale serba – un evento destinato ad avvicinare serbi e albanesi del Kosovo attraverso la cultura.

“Questo festival si assicura che sottolinei che il Kosovo è un paese indipendente, falsificando così la storia e incolpando la Serbia per tutto ciò che è accaduto allora in Kosovo [durante la guerra del 1998-99]”, ha detto Djurdjevic.

“La maggior parte di noi in Serbia è contraria a questo festival e questo ci offende direttamente”, ha affermato.

“Miredita, Dobar Dan” – il nome del festival significa “Buongiorno” in albanese e serbo – intende presentare la cultura del Kosovo a un pubblico di Belgrado.

Ma è stato più volte preso di mira da manifestazioni – come quando Rona Nishliu, una famosa cantante del Kosovo, tenne un concerto durante il primo festival nel 2014, e quando l’ex presidente del Kosovo, Atifete Jahjaga, disse che intendeva fare un discorso all’evento.

Prima del festival del 2018, la polizia serba ha confiscato tre fotografie dell’artista albanese del Kosovo Eliza Hoxha, che avrebbero dovuto essere esibite al festival, mentre attraversava il confine con la Serbia.

Le fotografie includevano immagini di simboli dell’esercito di liberazione del Kosovo, che è considerato un’organizzazione terroristica dal governo serbo. Il ministro degli Interni serbo Nebojsa Stefanovic ha dichiarato che, confiscando le fotografie, ha impedito “la promozione di un’organizzazione terroristica in nome della cultura”.

Nonostante tali reazioni, l’arte e la cultura vengono sempre più utilizzate come strumento per comprendere e affrontare il passato sia in Kosovo che in Serbia, in aggiunta ad altri metodi per promuovere la giustizia postbellica e cercare la riconciliazione.

Gli interventi artistici possono fornire “controparti informali per i meccanismi più significativi della giustizia di transizione: processo di verità e riconciliazione, scuse pubbliche, riparazione psicologica, richiesta di accesso del pubblico ai documenti governativi e altri”, ha suggerito Sanja Bahun nel suo capitolo sul soggetto in un libro del 2015 intitolato “Teorizzare la giustizia di transizione”.

Orli Fridman, professore associato presso l’Università Singidunum di Belgrado, dove dirige il Center for Comparative Conflict Studies, suggerisce che il festival “Miredita, Dobar Dan” è un esempio di iniziative “people to people” che offrono approcci alternativi al conflitto Kosovo-Serbia con quelli offerti dai politici di entrambe le parti.

“Inoltre, sostengo che un festival del genere offra anche un’alternativa al crescente nazionalismo quotidiano”, scrive Friedman in un prossimo articolo per un giornale accademico chiamato Nazioni e nazionalismo.

Tuttavia, l’opposizione agli sforzi per promuovere la riconciliazione tra serbi e albanesi del Kosovo rimane significativa. Nel marzo di quest’anno, quando il film documentario “Ferdonija”, sulla vita di una donna kosovara che ha perso la famiglia durante la guerra, è stato proiettato a Belgrado, diverse centinaia di teppisti del calcio hanno cercato di entrare nella proiezione e distruggerla.

Le collaborazioni non offrono l’amnistia

Lo scrittore kosovaro Shkelzen Maliqi è stato coinvolto nelle iniziative di cooperazione artistica tra Kosovo e Serbia per decenni. Nel 1997, ha preso parte a una mostra intitolata “PERTEJ”, che ha portato gli artisti del Kosovo a mostrare il loro lavoro a Belgrado presso il Center for Cultural Decontamination, un luogo di arti e idee alternative che faceva parte dell’opposizione al regime di Slobodan Milosevic.

All’epoca dell’esibizione, sebbene la guerra in Kosovo non fosse ancora scoppiata, la repressione di etnia albanese sotto il dominio di Belgrado era diffusa.

“A quel punto, molte persone [in Kosovo] ci stavano dicendo, cosa stai cercando a Belgrado? Ciò legittima solo lo stato attuale in Kosovo! Perché è necessario riconoscere la supremazia di Belgrado, indipendentemente dal fatto che il Centro per la decontaminazione culturale sia contro il regime di Milosevic? ”Ha ricordato Maliqi.

“Ho continuato a difendere il fatto che” PERTEJ “era un’iniziativa per abbattere i confini e creare una comunicazione tra artisti”, ha aggiunto.

“Le collaborazioni non offrono l’amnistia per i crimini, ma creano uno spazio per un futuro in cui i vicini si rispettano e sviluppano normali scambi culturali”, ha concluso.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato integralmente in inglese su Balkan Insight dal titolo “Kosovo Artists Use Culture to Promote Justice and Peace”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui